Notizia

Valutato: i medici salvano molte più vite


Maggiori possibilità di sopravvivenza se i pazienti sono curati da medici
Apparentemente, il genere del personale medico ha un impatto sul successo del trattamento per i pazienti. Secondo un nuovo studio, le possibilità di sopravvivenza per i pazienti ospedalieri sono migliori se trattate da medici invece che dai loro colleghi maschi.

Minor rischio di morte
Secondo un recente studio, i pazienti ospedalieri hanno un rischio più basso di morire se vengono curati da professionisti medici anziché dai loro colleghi maschi. Per le loro indagini, gli scienziati di Boston hanno valutato i dati di oltre 1,5 milioni di anziani statunitensi con denunce interne. I risultati dello studio sono stati ora pubblicati sulla rivista specializzata "Jama Internal Medicine".

Differenza di 32.000 morti all'anno
Secondo le informazioni, quasi l'11,5 percento è morto tra i pazienti dei dottori maschi. Tuttavia, se i pazienti dell'ospedale sono stati curati da una donna, il tasso di mortalità era inferiore di 0,43 punti percentuali.

All'inizio la differenza può sembrare molto piccola, ma secondo gli scienziati è "clinicamente significativa" perché la linea di fondo - estrapolata da tutti i pazienti ospedalieri statunitensi - è una differenza di 32.000 decessi in meno all'anno.

Le donne e gli uomini affrontano il trattamento in modo diverso
Lo studio non fornisce una ragione per il vantaggio sui colleghi maschi. Tuttavia, da studi precedenti è noto che uomini e donne affrontano il trattamento in modo diverso.

Di conseguenza, i medici impiegano più tempo per i loro pazienti, attribuiscono maggiore importanza alla comunicazione con loro e rispondono maggiormente alle loro preoccupazioni. Inoltre aderiscono più rigorosamente alle linee guida mediche.

Non è chiaro se la differenza sia dovuta alle capacità di trattamento femminile
Tuttavia, rimane discutibile se la piccola differenza sia effettivamente dovuta alle capacità terapeutiche dei medici.

Come riporta la "Süddeutsche Zeitung" (SZ), Stefan Lange, vicedirettore dell'Istituto per la qualità e l'efficienza nella sanità (IQWiG), certifica che gli autori dello studio hanno compiuto "ogni possibile sforzo" per calcolare le variabili di disturbo come l'età e il luogo di lavoro dei medici .

Tuttavia, ad esempio, non sono stati presi in considerazione diversi orari di lavoro tra donne e uomini.

I dottori guadagnano molto meno
I ricercatori medici Anna Parks e Rita Redberg dell'Università della California a San Francisco hanno scritto in un commento sullo studio che i risultati dovrebbero incoraggiare gli ospedali a pensare e ad agire.

I medici negli Stati Uniti guadagnano ancora in media l'8% in meno rispetto ai loro colleghi maschi. Ma "le dottoresse svolgono un lavoro equivalente o potenzialmente persino migliore dei loro colleghi maschi", afferma. (anno Domini)

Informazioni sull'autore e sulla fonte



Video: Giuseppe Novelli DNA è vita: tutto il resto un dettaglio (Ottobre 2021).